studio psicologia e counseling milano bisogno di controllo

OCD: IL DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO

OCD, disturbo ossessivo-compulsivo: di cosa si tratta, le ossessioni più comuni, le compulsioni più frequenti, le cause.

Tra i vari argomenti trattati dallo Studio di Counseling Psiché di Milano con la  Dr. Francesca Minore, qui ci interessa analizzare il disagio causato dal disturbo ossessivo compulsivo. Ne analizzeremo i sintomi, le cause aggiornati agli studi più recenti.

studio psicologia e counseling milano OCD

OCD: Obsessive Compulsive Disorder

Controllare più volte se l’interruttore della luce è spento… quante volte capita? Si tratta di esperienze occasionali, determinate dalla fretta o dall’essere sovrappensiero. E quel ritornello musicale che torna ripetutamente? Quel pensiero che distrae quando più si ha bisogno di concentrazione? Succede, ma con un po’ di sforzo o semplicemente non facendoci caso, tutto torna alla normalità. L’OCD è una patologia riconosciuta e curabile.

studio psicologia e counseling milano OCD

Quando la frequenza con cui ciò avviene, quando la persistenza di tali pensieri è ostinata al punto di permanere nonostante la volontà a scacciarli, quando infine l’individuo necessita di rituali volti ad eliminarli, si parla di Disturbo Ossessivo-Compulsivo (OCD).

PENSIERI INTRUSIVI INVOLONTARI

L’OCD o DOC nel DSM 5 (2013) è stato classificato come prototipo dei Disturbi Ossessivi e dispone dunque di un inquadramento nosografico autonomo. Non di rado si manifesta in comorbilità con i Disturbi d’Ansia.

LE CAUSE

E’ ormai assodato che la causa alla base del DOC sia il senso di colpa deontologico, ossia il rischio di rendersi responsabili di una colpa morale che deve essere assolutamente prevenuta, pena l’essere esposti a sanzioni e critiche senza possibilità di perdono o appello.

studio psicologia e counseling milano OCD

LE OSSESSIONI

Si definiscono ossessioni, le idee ed i pensieri ricorrenti, fastidiosi perché intrusivi ed involontari “camminando per strada, non riesco a far a meno di sentirmi in ansia. Temo di poter commettere qualche infrazione, di compiere un gesto legalmente punibile o quantomeno riprovevole agli occhi dei cittadini o dei vigili, della polizia.” “lo studio mi impegna ed angoscia. Sento di dover memorizzare ogni singolo concetto, ogni virgola, ogni nota, perché vivo con terrore la possibilità di presentarmi all’esame e sbagliare qualche risposta.”  

Possono essere di natura endogena (produzioni spontanee della mente) o reattive (sollecitate da eventi esterni). La persona vive un profondo disagio non riuscendo a sopprimerle o prevenirle, da qui l’ansia.

LE COMPULSIONI

Le compulsioni sono comportamenti ripetitivi o atti mentali rituali, che il soggetto mette in atto per ridurre l’ansia e neutralizzare l’ossessione. Le compulsioni sono dunque finalizzate ed intenzionali. 

studio psicologia e counseling milano OCD

Un buon esempio in tal senso è offerto dal film di L. Brooks Qualcosa è cambiato, in cui il protagonista evita di calpestare le fughe di ogni pavimento che incontra, in preda all’ossessione dell’ordine e della simmetria. Vittima dello stesso disturbo, anche il nevrotico J. Lemmon nel celeberrimo La strana coppia, che scarica l’ansia trascorrendo i giorni e le notti a tener pulita e linda la casa dell’amico che lo ospita non senza difficoltà.

Va detto che le ossessioni possono cambiare nell’evoluzione del’OCD, così come i rituali compulsivi possono associarsi in un secondo tempo. L’ansia interviene quando tali coazioni vengono impedite o interrotte.

studio psicologia e counseling milano OCD

LE OSSESSIONI PIU’ COMUNI

  • pulizia e detersione – dallo sporco, dai germi, dal contagio procurato da sangue, secrezioni corporali, patologie di natura infettiva, sostanze tossiche. Come conseguenza, le idee fisse circa tali rischi generano i comportamenti da evitamento fobico, che limitano la persona nella frequentazione dei luoghi pubblici e nell’utilizzo di oggetti comuni quali il denaro, le maniglie, i sanitari, per il timore di contrarre malattie.

  • di natura dubitativa – chiusura di rubinetti, interruttori, maniglie.

  • connesse alla legge e alla morale – il soggetto è in preda all’incertezza circa contenuti di ordine esistenziale (il senso della vita), normativo, etico, religioso.

    studio psicologia e counseling milano OCD

  • di carattere numerico – calcoli aritmetici, numeri telefonici, prefissi…

  • di ordine sessuale – fantasie e pensieri osceni.

LE COMPULSIONI PIU’ FREQUENTI

  • consistono in rituali riparatori di detersione anche con uso di sostanze disinfettanti e prodotti abrasivi

  • riguardano procedure volte alla chiusura di porte, interruttori etc. e alla verifica delle azioni compiute

studio psicologia e counseling milano OCD

  • si esprimono attraverso riti a contenuto numerico – ripetizione di numeri (dei passi, del telefono…)

  • e riti a contenuto motorio – gesti, rituali motori per rendere simmetrici i propri movimenti

  • sono connesse all’ordine – raddrizzare quadri, ordinare in sequenza o per colore gli oggetti

CHE ACCADE NELLA MENTE DELLA PERSONA AFFETTA DA OCD?

La persona di norma mette in atto dei tentativi di soluzione finalizzati a neutralizzare le ossessione che vive come minaccia ai propri scopi (es. “se non chiudo bene il gas, posso rendermi responsabile di una disgrazia”). Tali tentativi di soluzione seguono uno schema preciso:

  • evento – chiudere il gas per uscire di casa.
  • prima valutazione – e se non avessi chiuso bene?!”
  • tentativo di soluzione 1 – ripetizione dell’azione, anche seguendo rituali precisi, per neutralizzare la minaccia.
  • seconda valutazione – rigurda l’insight critico “è pura follia quanto sto facendo, quanto tempo perdo!”
  • tentativo di soluzione 2 – volto a contrastare, sopprimere definitivamente, l’ossessione “lo faccio un’ultima volta poi basta!”

Purtroppo, i tentativi di soluzione non fanno che mantenere ed aggravare il disturbo.

L’orientamento cognitivo della persona affetta da DOC è caratterizzato anche dalla presenza di ruminazioni, bias cognitivi (errori logici), euristiche (approssimazioni e scorciatoie nel ragionamento), atteggiamenti protettivi/prudenziali, inflated responsability (senso di responsabilità eccessivo e pervasivo). Si tratta dunque di distorsioni cognitive che non risolvono, anzi mantengono il disturbo.

LE CAUSE NEUROLOGICHE DELL’OCD

Sul piano neurologico, l’OCD dipende da una disfunzione nella trasmissione della serotonina da parte dei neuroni cerebrali, per cui le informazioni giungono non adeguatamente filtrate al cervello scatenando una reazione spropositata.

E’ stato inoltre dimostrata empiricamente (Mancini) la validità della teoria secondo cui responsabile dell’OCD è il senso di colpa deontologico. Mediante risonanza magnetica funzionale è stato infatti possibile verificare quali aree del cervello siano maggiormente attive durante l’esposizione agli stimoli attivanti. Dai risultati emerge che il substrato neurale dell’OCD  si colloca nell’area cerebrale dell’insula e della corteccia cingolata anteriore, ossia le aree che processano il senso di colpa.

studio psicologia e counseling milano OCD

VULNERABILITA’ AL DOC

  • I pensieri ossessivi e le modalità rituali per neutralizzarli possono essere ereditati dal contesto familiare.
  • La severità/rigidità del modello educativo (con punizioni severe, inprevedibili, con interruzione del rapporto).
  • L’attribuzione di un carico oneroso di responsabilità elevate fin dall’infanzia (fratello maggiore).
  • L’essere stati causa di un incidente.

E’ dimostrata la potenzialità comorbità con i disturbi dell’umore (ansia, fobia, panico) e la depressione.

studio psicologia e counseling milano OCD

Se hai bisogno di una consulenza, clicca qui sopra.

BIBLIOGRAFIA

LA STRANA COPPIA (The Odd Couple) regia di G. Saks, 1968 con J. Lemmon, W. Matthaw

QUALCOSA E’ CAMBIATO (As good as It Gets) regia di J. L. Brooks, 1997, con J. Nicholson, H. Hunt

Baer L. – COME RAGGIUNGERE LA PADRONANZA E IL CONTROLLO DI SE’ – Editore Bompiani

Fricke S., Hand I. – AVRO’ CHIUSO LA PORTA DI CASA? AFFRONTARE LE PROPRIE OSSESSIONI – Editore Centro Studi EricksonSusanne

Melli G. – VINCERE LE OSSESSIONI – Eclipsi Ed., 2011

Rapoport J. L. – IL RAGAZZO CHE SI LAVAVA LE MANI IN CONTINUAZIONE E ALTRI DISTURBI OSSESSIVI – Bollati Boringhieri, 1994