TUTTI IN ISOLAMENTO PER IL CORONAVIRUS – LE CONSEGUENZE EMOTIVE

In questi giorni è richiesto a tutti di restare a casa, l’isolamento consente infatti di diminuire drasticamente i contagi e superare più rapidamente la crisi che stiamo vivendo.

E’ una questione di responsabilità a cui tutti dobbiamo attenerci, per cui farlo è un dovere. Limitiamoci ad uscire solo se strettamente necessario dunque. 

Ma come trascorrere questo tempo in serenità, senza farsi prendere da paura ed ansia?

Questo articolo propone una serie di suggerimenti per affrontare al meglio la crisi sul piano emotivo.

ansia coronavirus

1. Comunicare scaccia le paure fantasmatiche

Il silenzio, la noia, i servizi televisivi dai toni allarmanti, non fanno che generare timori, ansia ed un senso di imprevedibilità altamente impattanti sulla psiche. Restando soli, non è improbabile fantasticare scenari apocalittici, perdere di vista la realtà (ossia che si tratta di una situazione temporanea) cadere in uno stato di sconforto accompagnato in certi casi da sintomi fisici quali respirazione affannosa, bolo in gola, senso di stordimento, ecc.

Per questa ragione è di utilità mantenere aperta la comunicazione con amici e parenti (per telefono o via Skype, whatsapp) e distrarsi discorrendo su argomenti piacevoli, progetti, vacanze, tutto ciò che potremo realizzare non appena il periodo critico sarà terminato. 

Studio Psicologia e Counseling Milano

Qualora non si riesca a reperire persone in grado di trasmetterci una carica positiva, ci si può rivolgere alla rete. In questi giorni molte pagine Facebook sono state create per passare il tempo in modo ludico, per ricrearsi in maniera positiva.  Youtube offre la possibilità di fare un po’ di moto seguiti da un personal trainer o di imparare nuove ricette dal cuoco online. Ed ancora, molte associazioni locali, piccole realtà, organizzano corsi via Skype ed altre app, per non perdere il ritmo o per apprendere nuovi passi di danza durante la pausa forzata. Il tutto è possibile comodamente da casa propria. Se ami la cultura, Facebook, Twitter ed Instagram sostengono la campagna “La cultura non si ferma” con l’intento di promuovere i contenuti museali utilizzando canali alternativi. 

E nella bellezza, nel divertimento, la mente è occupata da pensieri nuovi, adattivi ed il tempo scorre più lieve….

Posso intuire le perplessità di alcuni: “queste proposte non rappresentano una valida soluzione all’isolamento” oppure “non sono esperto di tecnologia, non uso la rete, non ne sono avvezzo” oppure “ma non ho proprio l’umore adatto per queste cose!”.

Studio Psicologia e Counseling Milano

E’ comprensibile e lecito avere di queste remore. Eppure i momenti di crisi rappresentano delle opportunità. La chiave per superarli è lo spirito di adattamento. Se non ci si irrigidisce, se si sperimenta, la crisi diviene occasione per apprendere cose nuove, per approcciare il nuovo con buona disposizione, il che condiziona positivamente il nostro stato d’animo. Il tempo ora non manca, perché non provare? Perché non adattarsi alla situazione se ciò significa trascorrere le ore in modo più sereno?

La comunicazione tra esseri umani è imprescindibile. Lo scambio di opinioni, il contatto fisico, producono benessere, sviluppano emozioni positive. Seppur in modo diverso, ne abbiamo bisogno anche e soprattutto ora. Per questo lo Studio Psicologia e Counseling ha pensato di organizzare, in questo periodo difficile, un servizio di consulenza online. Un Counselor qualificato ed esperto è a tua disposizione. Lo puoi facilmente contattare via Skype. All’ora che preferisci, potrai colloquiare con lui, chiedergli consigli e sostegno per alleviare ansia e paure, per liberarti del malessere che sperimenti in questi giorni complessi. La sua accoglienza ed esperienza ti forniranno adeguato supporto, ma anche rappresenteranno un modo per condividere il tempo, per maturare una visione più positiva della situazione.

Vai alla pagina COUNSELING ONLINE cliccando qui sopra

isolamento coronavirus 

2. Utilizzare il tempo per ciò per cui non si ha mai tempo

      Non dimentichiamo che l’effetto del contagio andrà diminuendo fino a cessare. Non perdiamo di vista la finitezza di questo periodo. Tutto tornerà alla normalità e presumibilmente, sull’onda della riconquistata serenità, saremo più attivi, creativi ed operosi di quanto non fossimo prima. Basti pensare al dopoguerra. Pur nella devastazione e nell’estrema miseria, la fine della tragedia portò con sé la Ricostruzione, fu uno dei periodi più alti della nostra storia. In breve tempo gli italiani rialzarono la testa e costruirono, edificarono, crearono nuove imprese produttive. Era la serenità ritrovata a motivarli. La psiche umana è sempre pronta a rifiorire. Nei periodi critici va quindi preservata la lucidità di relativizzare il tempo e di renderlo fruttuoso, una sorta di vuoto fertile, con la definizione della Gestalt Theorie. Un tempo da dedicare a tutto ciò che siamo costretti a trascurare nel quotidiano perché affaccendati altrove. L’apprendimento di una nuova lingua? Un corso utile al lavoro che non hai avuto tempo di frequentare? Cerca online, ne sono stati predisposti molti in questi giorni. La scrittura? La pittura? Cosa ti ha da sempre appassionato ed hai dovuto trascurare. 

Infine, ciò che di più prezioso abbiamo: gli affetti. Siamo costretti in casa… ma può diventare tutt’altro che una costrizione. Anche in questo caso, come in tutti quelli sopra citati, serve caricarsi in spalla una buona dose di spirito di adattamento. Potrai così ingegnarti a trovare un modo creativo di trascorrere momenti ludici in famiglia. Serve un pizzico di fantasia per trovare la chiave ed il coraggio di riaprire un rapporto magari un po’ ammaccato dal tempo o dai fatti della vita. Qualcuno potrebbe dire “figurati, cosa mi devo mettere a fare?! Macché, tanto ormai…! Non partire col piede sbagliato. Ora è il momento. Ora si è presentata l’occasione, è un peccato sprecarla. Quando tutto tornerà alla normalità e riprenderemo a correre trafelati, questa fantastica opportunità sarà andata persa. E sarà un vero peccato…

isolamento coronavirus studio psicologia

3. Se da solo non riesci a liberarti dall’inquietudine

Se da solo proprio non riesci, se questa crisi è capitata in un momento già difficile sul piano psicologico o di coppia, se già emotivamente non stavi bene, utilizzala per non procrastinare. Noi ci siamo se hai bisogno di supporto, siamo counselor esperti e qualificati che da anni fanno questo di professione, traghettare le persone e le coppie oltre il periodo nero, finalmente alla riconquista del benessere. Non deflettere, non rimandare il problema, non lasciare depositata “la polvere sotto il tappeto”. Ora è il momento utile, ora c’è tutto il tempo, richiedici un colloquio online, aiutaci a capire in che modo possiamo esserti utili. Lo Studio Psicologia e Counseling della Dr. Francesca Minore sarà a tua disposizione.