studio psicologia e counseling milano ansia panico

ATTACCO DI PANICO ED ANSIA – LE CAUSE E LA CURA

Panico ed ansia. Quali le cause e come risolvere definitivamente il problema?

Tra i vari argomenti trattati dallo Studio Psicologico Milano con la counselor professionista Dr. Francesca Minore, qui ci interessa comprendere da cosa scaturiscono l’ansia e l’attacco di panico (DAP) e come intervenire per tornare a stare bene.

studio psicologia e counseling milano ansia

Durante una situazione quotidiana come andando a far compere, guidando, lavorando alla propria scrivania, compare all’improvviso una crisi d’ansia, accompagnata da panico, intenso malessere fisico e paura.

Tornata la calma, persiste il timore che il panico si ripresenti. Questa condizione viene definita ansia anticipatoria.

Con il riproporsi degli attacchi e per la tendenza ad associare le crisi a luoghi o circostanze specifiche, si strutturano le condotte da evitamento fobico: il soggetto tende cioè ad evitare spazi ed attività connesse al DAP (Panic Attack Disorder) .

studio psicologia e counseling milano ansia panico

L’attacco di panico spaventa e preoccupa, in quanto spesso la crisi insorge senza apparente motivo. Inoltre, a causa della penosa sensazione di essere in balia delle proprie emozioni, di non poterle gestire, la persona può arrivare a temere che tale stato di cose possa essere definitivo o ritenere di essere sul punto di perdere la ragione, di impazzire o di morire.

Poiché la fenomenologia del DAP somiglia molto a quella di alcune patologie gravi, il disagio ingenera sovente l’errata convinzione di essere affetti da una malattia seria “ho pensato mi stesse venendo un infarto”.

studio psicologia e counseling milano ansia panico

E’ dunque utile far chiarezza. Rassicurare ed informare circa le caratteristiche del disturbo e la cura adeguata.

Come si manifesta?

  • all’improvviso, senza causa apparentemente.

  • la durata è breve, da pochi secondi a svariati minuti. Ciò che persiste è l’attivazione fisiologica dell’organismo. Da qui la sensazione che l’attacco duri molto di più.

  • la persona sperimenta una penosa sensazione di impotenza, di minaccia incombente e teme per la propria incolumità fisica.

  • la remissione è graduale ed accompagnata a spossatezza, stanchezza profonda, instabilità dell’umore, stordimento.

    studio psicologia e counseling milano ansia panico

La sintomatologia è molto varia. Riassumiamo qui le manifestazioni più comuni:

  • ansia

  • tachicardia

  • senso di svenimento

  • sudorazione intensa

  • dolore al petto

  • tremori

  • problemi a respirare (dispnea)

Le manifestazioni dell’attacco possono essere così categorizzate:

  • manifestazioni soggettive – perdita di controllo, disagio, terrore, paura di perdere la vita.

  • manifestazioni somatiche – sintomi cardiaci, respiratori (tachicardia, oppressione toracica, dispnea…); sintomi neurologici (sudorazione, brividi, nausea, crampi addominali ed articolari, diarrea, bisogno impellente di urinare…); sintomi neurovegetativi a carico del sonno, dell’appetito, della sessualità.

    studio psicologia e counseling milano ansia panico

  • manifestazioni psicosensoriali – sentimenti di irrealtà, ipersensibilità alla luce, ai suoni, modificazione percettiva del tempo e dello spazio, pensieri bizzarri, ossessioni compulsive.

  • manifestazioni comportamentali – blocco, paralisi vs fuga alla ricerca di luogo rassicurante, interruzione dell’attività.

LE CAUSE

Vi sono ipotesi a sostegno di una predisposizione organica al disturbo. Il panico dipenderebbe dalla fragilità dei sistemi biologici che controllano l’ansia.

Convince maggiormente la predisposizione familiare. Il DAP è un disturbo spesso ereditato da genitori ansiosi. L’apprensione parentale fornisce infatti un modello ansiogeno di approccio alla realtà.

studio psicologia e counseling milano ansia panico

Per altra via, l’insorgenza di ansia e panico può essere correlata a scarsa fiducia in se stessi e mancanza di autonomia (attaccamento ansioso-ambivalente). 

In ultimo il DAP può dipendere dall’aver vissuto esperienze traumatiche. Oggi,

Per poter effettuare un’analisi specifica delle ragioni che l’hanno prodotto, un confronto immediato con un counselor professionista può rivelarsi la scelta più efficace.

Disturbi spesso associati

  • ansia generalizzata costante.

  • depressione – può presentarsi in seguito al perdurare del DAP. Per questo è necessario intervenire da subito ed effettuare la cura adeguata. La depressione comporta sovente uno stato di demoralizzazione, a cui si associano senso di impotenza, paura, incapacità a capire e gestire la propria vita,impossibilità ad uscire soli (se non con il “compagno accompagnatore”), perdita di interessi.

studio psicologia e counseling milano ansia panico

  • polarizzazione ipocondriaca – è la convinzione di essere affetti da qualche malattia. Il soggetto tende a sottoporsi ad accertamenti continui e nonostante le rassicurazioni dei medici, è ossessionato dal timore che la causa della presunta patologia non sia stata accuratamente diagnosticata.

  • abuso di sostanze – nel tentativo di diminuire l’ansia, alcuni soggetti abusano dei farmaci prescritti dallo specialista o fanno uso di alcool (che smorza l’effetto degli anti-panico).

  • fobia semplice – paure irrazionali associate alle crisi di panico.

  • fobia sociale – paura di essere osservati/giudicati dagli altri.

    studio psicologia e counseling milano ansia panico

Come intervenire nell’immediatezza?

Quelle che vengono qui riportate, non sono strategie risolutive, bensì modalità utili a gestire il panico nel momento dell’insorgenza. E’ buona cosa:

  • respirare in modo lento e profondo, contrastando la tendenza tipica al respiro superficiale. Questo perché la respirazione superficiale ostacola l’ossigenazione del sangue ed il cervello è costretto a velocizzarla.

  • effettuare il grounding, vale a dire focalizzarsi sulle parti del corpo a contatto con il suolo, la sedia, il letto, al fine di mantenere il contatto con la realtà oggettiva.

    studio psicologia e counseling milano ansia panico

  • ricondurre il pensiero al qui ed ora.

  • sfogare le emozioni parlando con qualcuno.

  • massaggiare circolarmente con due dita la zona frontale tra le sopracciglia fino al rilassamento.

  • fare movimento (o battere ripetutamente una sedia con il cuscino) per dar sfogo alle emozioni compresse.

  • utilizzare alcuni stratagemmi terapeutici, quali “Il diario di bordo” Tenere cioè in un taccuino, il resoconto dettagliato del proprio stato per far defluire l’energia in eccesso attraverso la scrittura.

    studio psicologia e counseling milano ansia panico

Come aiutare qualcuno durante l’attacco?

  • non minimizzare con espressioni del tipo “non è nulla, stai tranquillo”, piuttosto rammentargli che il DAP dura pochi minuti e poi passa.

  • aiutare la persona a distrarsi dalle brutte sensazioni che sta percependo parlando d’altro, facendo movimento con lei.

  • una volta riacquistata la calma, rassicurare il soggetto che si può risolvere il disagio con la cura adeguata. Spronarlo ed aiutarlo ad attivarsi in tal senso.

    studio psicologia e counseling milano ansia panico

L’organismo durante l’attacco.

Il locus ceruleus è cruciale per l’insorgenza del panico. L’organo è situato nel sistema limbico o cervello antico, al centro degli emisferi cerebrali. Esso riceve ordini dall’amigdala, la ghiandola che controlla le risposte emotive. Il locus ceruleus ha il compito di filtrare gli stimoli provenienti dall’esterno affinché il sistema limbico provveda ad attivare il meccanismo fisiologico di reazione.

Durante una crisi di panico, il locus ceruleus smette di adempiere al suo compito di filtraggio per via di un’alterazione in atto nella secrezione del neurotrasmettitore serotonina. Di conseguenza gli stimoli giungono copiosi al cervello e non adeguatamente elaborati. Per tale ragione vengono erroneamente percepiti come esageratamente pericolosi e la risposta emotiva fornita dall’amigdala è spropositata.

studio psicologia e counseling milano ansia

Le soluzioni

A discrezione del medico, è possibile intervenire somministrando farmaci ansiolitici. Sono utili per sedare i sintomi, seppur non a risolvere definitivamente il problema. Nei casi più persistenti, possono essere prescritti gli ISSR (inibitori selettivi ricaptazione serotonina) che mirano a riequilibrare il meccanismo fisiologico di controlla dell’ansia.

Per far in modo che il disturbo scompaia definitivamente è però necessario risalire alle cause psicologiche scatenanti. Un buon percorso terapeutico, quando necessario in sinergia con la cura farmacologica di competenza medica, consente di risalire alle cause del DAP, di apprendere modalità cognitive ed emotive più funzionali a risolvere il disagio.

studio psicologia e counseling milano ansia panico

Infatti l’attacco di panico può essere metaforicamente descritto come la spia luminosa sul cruscotto di un vettura: sta ad indicare che qualcosa nel meccanismo si è inceppato. Nel caso dell’auto, una volta effettuata la riparazione e ripristinato il corretto funzionamento, la spia luminosa automaticamente smette di lampeggiare. Non diversamente accade all’organismo umano. Una volta emersi ed elaborati i motivi per cui l’ansia ha avuto luogo, il panico, in quanto campanello d’allarme somatico, non ha più ragion d’essere. La remissione in alcuni casi è immediata, più spesso è graduale, ma sempre risolutiva.

Per saperne di più, vieni a trovarci nel nostro Studio Psicologico a Milano.

Contatti

E’ possibile fissare un colloquio esplorativo, gratuito e non vincolante con la Dr. Francesca Minore presso lo studio di counseling a Milano, in via Stresa, 6, nei pressi del centro della città, zona Gioia/Centrale. Lo studio è facilmente raggiungibile in auto, ma anche con le varie linee del trasporto pubblico:

  • Metro MM2/MM3 Centrale, MM2 Gioia, MM3 Sondrio;
  • Bus n° 81, 43, 42;
  • Tram n° 5.

Per accedere al servizio di counseling della Dottoressa Francesca Minore, è necessaria la prenotazione. Potete effettuarla nelle seguenti modalità:

Primo incontro esplorativo gratuito

Parteciperete senza impegno ad un colloquio preliminare, in cui potrete conoscere la counselor Dottoressa Francesca Minore e capire come lavora. Potrete decidere di conseguenza come procedere e se intraprendere un ciclo di incontri di counseling atti a risolvere i vostri problemi e a migliorare la vostra situazione personale.

Sito Web

Se avete bisogno di ulteriori informazioni non esitate a visitare il nostro sito web.

Nel sito web troverete articoli, informazioni, approfondimenti ed eventi organizzati su temi di psicologia e sull’attività dello Studio di Psicologia e Counseling a Milano della Dottoressa Francesca Minore.

Pagina Facebook

Chi volesse approfondire ulteriormente l’argomento potrà inoltre visitare la pagina Facebook dello studio.

Diventa attore responsabile della tua vita e trasforma un momento di difficoltà in una nuova preziosa opportunità di crescita. Scegli il tuo counselor professionale di fiducia, rivolgiti allo Studio Psicologico della Dottoressa Francesca Minore.

BIBLIOGRAFIA

American Psychiatric Association – DSM-IV-TR MANUALE DIAGNOSTICO E STATISTICO DEI DISTURBI MENTALI – Text Revision, Masson, Milano, 2001

Baranello M. – AGGIORNAMENTO SUL TRATTAMENTO PSICOLOGICO DI ATTACCHI DI PANICO E FOBIE.LA TERAPIA PSICOLOGICA DELLA CRISI D’ANSIA SECONDI IL MODELLO DELLA PSICOLOGIA EMOTICO-COGNITIVA – SRM Psicologia Rivista, (www.psyreview.org), Roma, 26 Ottobre 2005

Borgna E. – LE FIGURE DELL’ANSIA – Feltrinelli, Milano, 1998

Colombo G. – DISTURBI DELL’AFFETTIVITA’ E DEI SENTIMENTI – In Colombo G. – MANUALE DI PSICOPATOLOGIA GENERALE – Cleup, Padova, 2001

Franceschina E., Sanavio E, Sica C. – I DISTURBI D’ANSIA – In Galeazzi A., Meazzini P. – MENTE E COMPORTAMENTO. TRATTATO ITALIANO DI PSICOTERAPIA COGNITIVO-COMPORTAMENTALE – Giunti Editore, Milano, 2004;85:311

Rachman S. – L’ANSIA – Editori Laterza, Roma, 2004